LE NOZZE DI ANTIGONE


LE NOZZE DI ANTIGONE

reading di e con Ascanio Celestini
e con Gianluca Casadei
alla fisarmonica

 

Ascanio Celestini in forma di reading e con l’accompagnamento musicale di Gianluca Casadei presenta Le Nozze di Antigone, suo testo messo in scena da Veronica Cruciani quasi 20 anni fa. La riscrittura della figura di Antigone è collocata tra l'epoca fascista e il dopoguerra, oscillando piacevolmente tra ricordo e presente, tra mito e storia, tra realtà e immaginazione e ancora tra un mito classico e uno moderno.


Le tragedia sofoclea e le stragi della resistenza si fondono nel racconto di Antigone, eroina tragica a cui Ascanio dà voce. Edipo, un anziano partigiano, e Laio, un gerarca fascista, ora sono simboli di una guerra fratricida che non solo è narrazione mitologica, ma anche memoria recente e terribilmente reale. Ed è Antigone la figura coraggiosa che intreccia i fili di queste due storie, che poi sono la stessa storia, senza tempo e di inspiegabile atrocità, come ogni guerra per mano dell’uomo.


Con quanti nomi posso chiamare la disgrazia?
Puoi dire sventura oppure disastro...
Con quanti nomi posso chiamare la disgrazia?
Puoi dire piaga oppure rovina…
Con quanti nomi posso chiamare la disgrazia?
La mia disgrazia è tanto grande che una parola sola non basta a contenerla tutta.

 


Clicca per ingrandire


Area download

Manifesto con piede bianco - File PDF

Vuoi ricevere le nostre circolari?

Back to Top